i cilentauri

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

NOTIZIE VARIE

NEWS

Pneumatici moto: come leggere i codici e scegliere i più adatti

La guida completa alla scelta dei pneumatici da moto: capire come funzionano i codici di velocità e cosa significano le sigle riportate sulla spalla delle gomme

Il momento della scelta del pneumatico per la vostra moto non è mai facile. Vasta e articolata l’offerta commerciale, molti i prezzi in ballo e gli sconti possibili. Ma con i nostri consigli potete affrontare con tranquillità la scelta della copertura per la vostra moto o scooter.
Com’è fatto
Il pneumatico, andando dall’interno verso l’esterno, si compone dei seguenti elementi: la carcassa (chiamata anche tela di carcassa o cintura), la tela della carcassa (costituita da un telo molto resistente la cui funzione è di dare allo pneumatico la forma desiderata e di prendere tutte le deformazioni e tutti i carichi), il battistrada (responsabile della proprietà di trazione della moto e dallo scarico di acqua, sabbia e altri inquinamenti) e i fianchi laterali (che costituiscono l’elemento più sottile, caratterizzato da una grande resistenza alle deformazioni). Il pneumatico può avere due tipi di struttura: tradizionale o diagonale (i fili della tela sono posti con l'angolo inferiore all’angolo retto rispetto alla linea del battistrada), cinturato (con uno strato di tela rinforzato e caratterizzato nella marcatura dalla lettera B) e radiale (i cavetti presenti sulle tele sono disposti in maniera radiale e attraversano da lato a lato la gomma. Questa struttura offre dei vantaggi di stabilità in curva e ad alte velocità).
Le misure
Per prima cosa bisogna tenere d’occhio le misure, ossia le indicazioni riportate sul libretto di circolazione e alle quali bisogna attenersi. Il primo numero indica la larghezza in millimetri della gomma. Quello dopo la barra indica il rapporto in percentuale tra altezza e larghezza del pneumatico. “R” indica che si tratta di un pneumatico radiale. “ZR” indica un radiale che sopporta una velocità superiore ai 240 km/h. Segue il diametro in pollici del cerchio su cui il pneumatico può essere montato.
Carico e velocità
Dopo la sigla M/C (ossia: gomma dedicata ai motocicli) si trovano altre misure di grandissima importanza: il numero indica l'indice di carico (il peso massimo che il pneumatico è in grado di supportare, che va da 40, ossia 136 kg, fino a 83, cioè 487 kg), la lettera il codice di velocità massima sopportata dalla gomma (che può andare da un minimo di A fino a Z, ossia oltre 240 km/h, W ovvero 270 km/h e Y, cioè 300 km/h). Indice di carico e codice di velocità non devono essere inferiori a quelli indicati sul libretto di circolazione della moto.
Le marcature
Nessuna lettera – pneumatico tradizionale
B – pneumatico cinturato
R – pneumatico radiale
TT –pneumatico con camera d'aria
TL – pneumatico senza camera d'aria
M/C – pneumatico destinato esclusivamente per le motociclette
A – pneumatico in versione speciale
NHS - non per uso autostradale (pneumatici prodotti esclusivamente per utilizzo racing in pista in quanto non ufficialmente omologati)
RF – pneumatico rinforzato
Rear – pneumatico posteriore
Front – pneumatico anteriore
M+S – (ovvero MS, M-S M&S) Pneumatico adatto all’uso in condizioni climatiche caratterizzate da fango e intemperie

*

Il motoclub "I CILENTAURI è regolarmente iscritto alla FMI e al CONI, tutti coloro che sono interessati ad iscriversi a questa associazione, senza scopo di lucro, possono farlo contattando il seguente numero:  3351356830 Onofrio, oppure scaricando da quì sotto il modulo di adesione, per poi consegnarlo a mano.

Cosa si prefigge questo nuovo motoclub?,intende riunire, tutte quelle persone, e motociclisti, che sono amanti di un pezzo di acciaio e plastica, è la "MIA MOTO, LA NOSTRA MOTO" e questo lo può capire solo chi è un "VERO MOTOCICLISTA", su e giù, da nord e sud, dal mare alla montagna, cadendo insieme, e che entrambi portiamo le cicatrici, ma ci siamo sempre rialzati insieme, e nessuno dei "due" ha mollato, e che
grazie a lei, ho conosciuto nuovi amici, ho ritrovato vecchi amici, e grandi motociclisti, ho conosciuto bellissimi posti, e tutto questo non ha fatto altro che nutrire la mia anima.
Si l'anima, perchè la moto è la nostra passione, e l'anima si nutre di passioni.
grazie mia cara moto, e grazie a tutti voi che condividete la stessa passione, e che continuerete a condividere la nostra stessa strada.

Inoltre il motoclub "I CILENTAURI", sta preparando delle convezioni con: assicurazioni, meccanici, e gommisti, più avanti saranno resi i nomi di tutti coloro che hanno aderito, alle nostre convenzioni.
                       
RUSSO RACING, MAX AUTO E MOTO & GRAFICANDO
           
effettueranno uno sconto ulteriore del 15%
a tutti gli iscritti del motoclub "I CILENTAURI", su
lavori meccanici in genere, e su cambio gomme, chi ne vuole usufruire,
basta che presenti la tessara del nostro motoclub.

INOLTRE," I CILENTAURI "  INFORMANO di aver stipulato una convenzione assicurativa,  dove a tutti gli iscritti al motoclub "I CILENTAURI", di qualsiasi Citta', Provincia, e Regione, saranno effettuati sconti su tutti i tipi di veicoli,  ( scooter,moto, auto, e veicoli d'epoca ),  che possono arrivare fino al 30%,
in piu' a chi lo preferisse, l'importo puo' anche essere dilazionato.
Per poter usufruire di questi sconti, basta presentare la tessera del nostro motoclub I CILENTAURI, e i relativi documenti del veicolo e dell'intestatario.
Per ulteriori info, contattate il segretario Maurizio al n° telefonico 3339752632
         

Perchè "I CILENTAURI"?......perchè è diverso
*
Alcune regole per le uscite in gruppo

Rispettare l'ora di partenza (non è giusto ne educato far aspettare coloro che rispettano gli orari)

E' buona regola, che sia la partenza che il ritorno sia fatto in gruppo, (tranne in casi eccezionali previa accordi)

Quando parti con un gruppo scegli una posizione nella quale vuoi stare e cerca di mantenerla.

Quando sei in gruppo cerca di mantenere uno stile di guida fluido e costante.

Evita di sorpassare gli altri motociclisti in prossimità di curve, rotonde, dossi ecc.

Segnala sempre più velocemente possibile, alzando un braccio o una gamba, a chi ti segue, un eventuale pericolo.

Se ti accorgi che qualcuno si è attardato, cerca di segnalarlo agli altri ed aspettatelo.

Ad una svolta, ad un incrocio o ad una deviazione usa gli indicatori di direzione,
attendi sempre che tutto
il gruppo abbia capito dove girare.


Quando sei in colonna, non gareggiare mai con nessuno del gruppo,
se sei in testa alla colonna e hai un passo più veloce degli altri provvederai a fermarti in seguito per attenderli.


Dai e prendi da almeno un partecipante del gruppo il numero di cellulare.
E' importante per la sicurezza e l'organizzazione di tutti.


Ricordati di prendere sempre la cartina con il tragitto del giorno (può risultare utilissima).

Se sei in coda al gruppo ed hai dei problemi e non riesci a farti vedere da chi ti precede...
fermati e chiama qualcuno sul cellulare, se non risponde mandagli un SMS,
appena si fermeranno vedranno il tuo messaggio, vale anche se hai sbagliato strada.


Se sei in capo al gruppo conduci la moto in maniera regolare e responsabile,
mantenendo una velocità adeguata per tutti.


Se sei in coda al gruppo, e chiudi le fila, verifica che tutti abbiano seguito la giusta direzione.

Se hai davanti un motociclista molto lento, abbi pazienza e seguilo fino alla sosta.

Divertiti sempre, ma con giudizio. Un azzardo può mettere a repentaglio la tua e l'altrui sicurezza.
Fa in modo che ogni uscita di gruppo sia un momento da ricordare,
anche per la responsabilità dimostrata nella guida da te e dai tuoi amici.
*

Quale patente per le moto

A

Conseguita prima dell'1/1/86, permette di guidare qualsiasi tipo di moto, anche nei Paesi dell'UE.

Conseguita tra l'1/1/86 e il 25/4/88, permette di guidare qualsiasi tipo di moto, ma solo in Italia.

Conseguita tra il 26/4/88 e il 30/9/93, permette di
guidare qualsiasi tipo di moto, anche nei Paesi
dell'UE.

Conseguita dopo il 30/9/93, la situazione si è complicata:
a 16 o 17 anni si ottiene La patente A1 (vedi box sotto).L'esame va sostenuto con una moto di cilindrata compresa tra 75 e 125 cm3 e potenza non superiore a 11 kW (15 CV).

a 18,19 o 20 anni si ottiene La patente A (vedi box sotto).

a 21 anni si ottiene La patente A (vedi box sotto), se l'esame viene svolto con una moto di potenza inferiore o uguale a 25 kW (34CV).

La patente A3 (vedi box sotto), se l'esame viene svolto con una moto di potenza uguale o superiore a 35 kW (48CV).

Il significato delle sigle

A
Conseguita dopo il 30/09/03 Facendo l'esame con una moto di almeno 120 cm3 di cilindrata e potenza inferiore o uguale a 25 kW (34CV), consente di guidare, per due anni, moto di qualsiasi cilindrata, ma con potenza massima di 25 kW (34CV). Poi, trascorsi i 2 anni, si trasforma automaticamente in A3 (cioè qualsiasi potenza).

A1

Conseguita fino al 30/9/99 Prima dei 18 anni, abilita alla guida di moto fino a 125 cm3 e con potenza massima di 11 kW (15CV) e senza passeggero.

Compiuti i 18 anni, si guidano moto di qualsiasi cilindrata, ma con potenza massima fino a 25 kW (34CV), con possibilità di trasportare un passeggero.

Dopo due anni non ci sono più limiti di potenza.
Conseguita dopo il 30/9/99 Prima dei 18 anni, abilita alla guida di moto fino a 125 cm3 e con potenza massima di 11 kW (15CV) e senza passeggero.

Compiuti i 18 anni, per poter guidare moto di qualsiasi cilindrata e con potenza massima fino a 25 kW (34CV), occorre sostenere un nuovo esame pratico, su un motociclo con cambio manuale, che faccia almeno 100 Km/h e che abbia una cilindrata di almeno 120 cm3. Trascorsi due anni dal nuovo esame pratico non ci sono più limiti di potenza.

A3

(= A "senza limiti")
Significa che è stato sostenuto l'esame con una moto con potenza di almeno 35 kW (48CV). Questa patente, conseguibile solo a 21 anni, abilita alla guida di moto di qualsiasi cilindrata e potenza.

B

Conseguita prima dell' 1/1/86 Permette di guidare qualsiasi tipo di moto, anche nei Paesi dell' UE.

Conseguita tra l' 1/1/86 e il 25/4/88 Permette di guidare qualsiasi tipo di moto, ma solo in Italia.

Conseguita dopo il 25/4/88 Si possono guidare moto fino a 125 cm3 e con potenza non superiore a 11 kW (15CV), ma solo in italia.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu